Cor Veleno ft. MezzoSangue – Città di Vetro (testo)

Testo di Città di Vetro dei Cor Veleno ft. MezzoSangue.

Per ascoltare Città di Vetro clicca qui.

O mi metti quel bavaglio o lasci stare
Perché c*zzo non ho tempo da sprecare
Te lo dico papale papale
In questo gioco ambiguo
Tutto quello che mi pare di guardare
Quello lì non ha finito di studiare
Perché il prof di Diritto
Si prendeva anche il diritto di infamare
Ehi juanito non c’è niente di casuale
Non è colpa tua se queste stanno comode
Nel sesso occasionale pur di non parlare
Trame occulte, gli dò c*zzi da spellare
Tante multe, quanti pranzi da pagarsi, la municipale
Qua se c’è un motivo di vantarsi io non saprei quale
Tra chi si mette e chi si leva
Lo stivale a discrezione personale
Con bandiere colorate a sventolare
Pacifisti con licenza di sparare
E il segreto del decreto militare
È che c’è scritto chiaro e tondo
Che ti possono ammazzare senza replicare

Tempo perso a dipingere città di vetro
È più facile fingere o portare peso?
È difficile sì, io non mi sono arreso
Pelle antiproiettile, rimango illeso
L’alfabeto nel rebus, città di vetro
È più facile fingere o portare peso?
È difficile sì, io non mi sono arreso
Tempo perso a dipingere città di vetro
Uh città di vetro
Uh città di vetro
Uh città di vetro
Uh città di vetro


Sangue chiama sangue per la dieta del killer
Chiuso dalla fame, mica facile uscirne
Peggio di così, ma è solo essersi arresi
La violenza dei ciechi, ma no, sono chi credi quando
Passo un’altra notte insonne ne la città di vetro
È da sabato che sparano e si sente l’eco
Festa grande, sulle spalle tutte le chitarre
Perché sono troppi c*zzi come Ilona Staller
Mentre cantano canzoni a tema sul digiuno
Filastrocche sulla morte, il muro del raduno
È qualcosa che mi spinge da lontano
Se ti chiamo riconosco la mia faccia, Calibano mano
Nella mano con l’amore in bikini
La messa nella tempesta, alla finestra i cecchini
È una città di vetro e porto tutto il peso
Mamacita cambia vita e manda agli altri un beso
Bless

Tempo perso a dipingere città di vetro
È più facile fingere o portare peso?
È difficile sì, io non mi sono arreso
Pelle antiproiettile, rimango illeso
L’alfabeto nel rebus, città di vetro
È più facile fingere o portare peso?
È difficile sì, io non mi sono arreso
Tempo perso a dipingere città di vetro
Uh città di vetro
Uh città di vetro
Uh città di vetro
Uh città di vetro

C*zzo ne sanno loro?
Quanto c’è sotto un iceberg
Quanto puoi starci male può non dirti ogni giorno “dai man”
Quante le mani e i piedi in questa città che affonda eterna, str*nza
Quanta la luce che taglia e quanto lo lasci nell’ombra
Scrivere a volte è un limite, dovrei dipingere
L’unico modo di esprimere immagini vivide
Muoio coperto dai fogli, ogni testo è una sindone guardami
Sentimi, coglilo se vuoi capire che provo
Come sentire quel fulmine lungo il tuo corpo,
Ma solo dal suono del tuono
Nasco nell’anno in cui l’uomo si inventa la mente globale
L’era dell’io digitale, maschere per la morale
Spoglia sia il bene che il male
Quanto fa bene guardare l’abisso
Qua è come l’inconscio il deep web
L’opinione è “sì beh”
Pensi che non mi stupisce più il freddo se fisso sul disco ….
Nasco nel Bel Paese, ora venduto al migliore offerente
Sempre alle prese con gente di merda
In tele che passano? Niente
Dovrei sentirmi compreso e parte di questo presente
Io non mi sento offeso,
Io non mi sento solo, io non mi sento niente
Ciao, ciao


Nella città delle risate con i drammi dietro
Nella città delle risate con i drammi dietro
Nella città delle risate con i drammi dietro
Si guida a cento all’ora dentro vicoli di mezzo metro

 


Share Lyrics With Firends

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *